Spedizioni gratuite a partire da € 99,00
0

Come scegliere un'interfaccia audio

19 January 2024
Condividi su        

Chiunque abbia intenzione di trasferire la propria produzione musicale su un computer prima o poi si imbatterà nel termine interfaccia audio. Questo dispositivo hardware portatile può anche essere chiamato scheda audio. Il nome può suggerire che si tratti semplicemente di una scheda sottile, il formato standard, tuttavia, ricorda una piccola scatola con diversi ingressi e pulsanti. Gli ingressi vengono utilizzati per collegare microfoni, altoparlanti, strumenti o altri dispositivi audio al computer.

Come funziona l'interfaccia audio

L'interfaccia audio si occupa di convertire i segnali analogici in forma digitale che possono essere elaborati da un computer. Il percorso di comunicazione può anche essere invertito. L'interfaccia audio può trasformare l'audio digitale dal computer in formato analogico. Il suono può quindi essere ascoltato dagli altoparlanti monitor o tramite le cuffie. Se provassimo a inviare una registrazione del segnale audio direttamente al tuo computer senza un'interfaccia audio, il risultato sarebbe scadente. Sebbene il PC disponga di una scheda audio dedicata, questa non consente la conversione di qualità del segnale da analogico a digitale. La scheda audio esterna può anche aumentare il segnale in ingresso al livello desiderato, grazie al preamplificatore integrato. Il punto è che la scheda audio interna è adatta per riprodurre l'audio compresso ma non è adatta per registrare l'audio sul computer.

Numero di ingressi sull'interfaccia audio

Uno dei criteri principali nella scelta di un'interfaccia audio è il numero di ingressi. Dopotutto, c'è differenza tra registrare uno o più strumenti contemporaneamente. Per la registrazione della voce sarà sufficiente un'interfaccia audio con un ingresso microfonico. Una regola semplice: il numero di ingressi sul dispositivo deve essere pari al numero di strumenti che si desidera registrare contemporaneamente.

Particolare attenzione deve essere prestata durante la registrazione di chitarra elettrica, basso o tastiera. Per questi strumenti consigliamo di scegliere un'interfaccia audio in grado di commutare l'ingresso nella modalità Hi-Z ad alta impedenza. Questo interruttore consente il flusso della massima tensione possibile senza perdite.

Per quanto riguarda i microfoni consigliamo quelli a condensatore. Questo tipo di microfono offre una registrazione del suono più autentica rispetto ad altri microfoni ma richiede un'alimentazione speciale da 48 V, chiamata anche alimentazione phantom. La maggior parte delle interfacce audio oggi dispongono di questa funzionalità.

Connettività dell'interfaccia audio:

Interfaccia audio USB

Il modo più comune per connettere questi dispositivi. Il vantaggio principale è la compatibilità con tutti i comuni computer, laptop o dispositivi portatili. La maggioranza delle interfacce utilizza l’USB 2.0, ma alcune hanno anche l’USB 3, che consente di abbassare maggiormente la latenza, utile quando si utilizzano Tastiere e controller MIDI.

Interfaccia audio FireWire

Tipo di connessione più affidabile durante la registrazione di più canali e usata in modo professionale. Oggi è molto poco utilizzata ed è difficile da trovare sia sui PC che sulle interfacce audio.

Interfaccia audio Thunderbolt

Interfaccia professionale, che consente una connessione affidabile a più canali contemporaneamente. Questa soluzione tecnica è il risultato dello sforzo congiunto di Intel e Apple ed è fino a 8 volte più veloce dell'USB 2.0

Interfaccia audio PCIe

Si installa direttamente sulla scheda madre del computer ed è altamente professionale. Questo dispositivo può evitare determinati processi durante la conversione dei dati, quindi non c'è quasi nessuna latenza durante l'elaborazione dei dati.

Frequenza di campionamento

La frequenza di campionamento o campionamento indica quanti campioni vengono caricati al secondo durante la trasformazione del segnale analogico in segnale digitale. Più alto è il numero, migliore è il suono. Le registrazioni di CD utilizzano normalmente la frequenza di 44,1 kHz. Questo standard è offerto nelle schede audio USB più semplici, ma le interfacce di livello superiore possono campionare a una frequenza fino a 192 kHz. Questo criterio non deve essere un mantra, perché la qualità del suono è influenzata da altri fattori. Anche se, semplificando, si può dire che la registrazione a 96 kHz suonerà meglio della registrazione a 48 kHz, ma la registrazione occuperà fino al doppio dello spazio su disco nel computer. Gli studi professionali utilizzano apparecchiature con una frequenza di campionamento minima di 44,1 kHz. Solo la parte più alta e quella più bassa dell'onda sonora vengono utilizzate quando l'audio digitale viene riconvertito in campione analogico. Ciò significa che la registrazione memorizzata con qualità 44,1 kHz può riprodurre una frequenza di circa 22 kHz. Quindi ancora molto più di quanto l'orecchio umano sia in grado di udire, con frequenze superiori a 20 kHz che non possono più essere semplicemente udite.

Profondità di bit

Questo criterio influisce in modo significativo sulla dinamica del suono risultante. In poche parole, maggiore è il numero di bit di registrazione, maggiore è la sua gamma dinamica. Lo standard CD viene registrato con una qualità di 16 bit. Poiché 1 bit di registrazione corrisponde a una gamma dinamica di registrazione di 6 dB, la gamma dinamica del CD è di 96 dB. Dobbiamo notare il fatto che parte di questa gamma sarà vittima del rumore elettronico dell'apparecchio e anche il resto non sarà eccezionale, perché i passaggi più bassi diventeranno più forti. La qualità audio a 24 bit è ad un livello molto più elevato ed è considerata uno standard di qualità minimo per i professionisti.

Riepilogo

L'interfaccia audio è essenziale per qualsiasi spazio domestico o sala prove affinché diventi uno studio musicale funzionale. Un software di registrazione (DAW) e un cavo adatto per collegare l'interfaccia audio al computer, allo strumento registrato, al microfono o alle cuffie sono un must per ogni studio di registrazione. L'interfaccia audio deve essere scelta in base a quanti strumenti verranno registrati contemporaneamente. È necessario tenere conto anche della connettività di un computer e di un laptop. Il tipo più comune e popolare è l'interfaccia audio USB. La qualità del prodotto finale è determinata anche dalla frequenza di campionamento e dalla profondità di bit. Lo standard minimo dovrebbe essere un dispositivo con frequenza 44,1 kHz e profondità 24 bit.

Alcuni dei nostri marchi
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter di Giocondi.it per essere sempre aggiornato su offerte e promozioni

Il nostro network
logo_musicpool.jpg
logo_mogar.png
logo_ekomg_Point.jpg
bannerMEPA2.jpg
BOSS Authorised Dealer Button IT.png
Roland Authorised Dealer Button IT.png
4.8       su Google
visualizza tutte le recensioni